PIANTE MICORRIZATE DI TARTUFO NERO PREGIATO CON LECCIO

(Codice: 102-0000031)

Segnala a un amico
Aggiungi ai preferiti
25,00 EUR
(Venduto per 30)
Aggiungere al carrello
PIANTE MICORRIZATE DI TARTUFO NERO PREGIATO CON LECCIOLECCIO - Quercus ilex/TARTUFO NERO PREGIATO Tuber melanosporum


DESCRIZIONE:

La pianta micorrizata di leccio con il tartufo nero pregiato è una specie che cresce comunemente nelle aree mediterranee. Grazie ad un apparato radicale molto forte può facilmente resistere a lunghi periodi di siccità e alle temperature elevate tipiche del periodo estivo. Le piante micorrizate sono tutte certificate da MICOLOGICA® e rappresentano il risultato di ricerche scientifiche condotte sia in laboratorio che in campo. La produzione dei corpi fruttiferi fungini è dipendente da molteplici fattori, pertanto il risultato può differire ampiamente da sito a sito.

CARATTERISITCHE:

Crescita:
Albero sempreverde diffuso in tutte le zone mediterranee. Corteccia liscia e grigia da giovane, col tempo diventa dura e scura, quasi nerastra e finemente screpolata in piccole placche persistenti di forma quasi quadrata. Le foglie sono semplici, a lamina coriacea, con il margine intero o dentato, molto variabili nella forma che va da lanceolata ad ellittica. La sua altezza va dai 20 ai 25 m. Il fusto è raramente dritto, singolo o diviso alla base.

Fioritura:
Ogni esemplare porta fiori di entrambi i sessi, i fiori maschili si presentano in amenti penduli, cilindrici e pubescenti; i fiori femminili sono in spighe peduncolate composte da 6-7 fiori. La fioritura avviene nella tarda primavera, da aprile a giugno. La ghianda è estremamente bella, edule e pertanto fonte essenziale di alimentazione per tutti gli animali selvatici.

Suolo e irrigazione:
Resiste bene in suoli poco umidi e non necessita di irrigazione.

Potatura:
La potatura può essere fatta ogni anno alla fine dell’inverno o inizio primavera tagliando i rami all’altezza dei germogli. Si adatta bene anche come siepe frangivento.

Malattie:
Soffrono particolarmente l’azione patogena di alcuni funghi come quelli del genere Armillaria spp. e Phytophthera spp.

Funghi:
Il tartufo nero pregiato (Tuber melanosporum) è un fungo edule di elevato pregio che cresce associato a diversi tipi di latifoglie ed in particolare nei boschi di Leccio (Quercus ilex). Predilige terreni sedimentari, generalmente ben drenati, (come quelli brecciosi) e molto calcarei. Pur iniziando lo sviluppo a settembre matura in pieno inverno, dall'inizio di dicembre fino a marzo. Il corpo fruttifero è ipogeo, più o meno tondeggiante, a volte anche irregolare e lobato, di dimensioni variabili. Peridio bruno-nero a verruche appressate e gleba di colore grigio-bruno o nero-rossastro, solcata da venature chiare sottili e molto ramificate. Sapore e profumo aromatico ed intenso. Il suo specifico sapore e il suo aromatico profumo lo rendono molto apprezzato in cucina dove dai francesi è considerato il migliore e quindi il più pregiato fra i “neri”. Viene consumato preferibilmente dopo breve cottura.